Spread the love

TATRASlogo
Un campo base nel cuore di Midtown Manhattan sul roof top del building più alto della 35th Street con vista Empire State Building. Un rifugio “camping chic” tra Herald Square, Madison Square Garden e il cuore dello shopping della Grande Mela. Questa l’ambientazione ideale in grado di descrivere le quattro  linee TATRAS: R Line, Elegance, Basic e Atelier che convivono nella collezione Fall Winter 2015-2016.

I tessuti performanti e high-tech, da utilizzare anche in condizioni climatiche estreme, amati dai più spericolati viaggiatori, si alternano a modelli realizzati in pura lana vergine, dall’allure elegante di un’anima metropolita. Ecco dunque che l’ambiente eletto da TATRAS è il tetto di un grattacielo a New York City dove poter allestire un insolito campo base e dominare la capitale del mondo con uno spirito da viaggiatore e da avventuriero.

Bomber, montgomery e downjacket si caratterizzano per i tessuti tecnici opachi o lucidi effetto silk. Cappotti al ginocchio, dalla vestibilità sobria e minimale hanno tagli precisi appartenenti alla tradizione del guardaroba maschile come la manica raglan e le abbottonature doppiopetto o all’inglese. La donna TATRAS ama sfoggiare maxi colli in pellicia ed inusuali chiusure asimmetriche capaci di donare femminilità e raffinatezza. Immancabili i gilet con cappuccio declinati in tutti i colori della collezione.

Particolarmente ampia la proposta delle stampe, dalla palette colori polverosa del petrolio, blu notte e verde bottiglia,  quale il “camo-feather”, dove migliaia di sagome di piume sembrano rincorrersi all over, e le iconiche geometrie zigzag orizzontale anni ’70. Alcuni tessuti tecnici assumono invece un piacevole effetto moirè.

L’uomo e la donna TATRAS amano sentirsi contemporanei ma di tendenza, avvolgendosi in ampi overcoats ricchi di dettagli quali le zip nastrate, le tasche applicate e le chiusure invisibili.

I colori, sempre eleganti, risultano caldi anche alla vista e spaziano dal blu navy al light gray, dal mocha al verde olive senza dimenticare il nero pieno, il grigio piombo e il khaki.

Piumini e i capispalla sono realizzati per il 90% da fiocco di piuma d’oca, la parte più nobile e con la più alta performance termica e, per il 10% da piuma d’oca, in grado di conferire struttura al capo.

TATRAS: PURE QUALITY OF DESIGN

www.tatras.it
“Tatras Atelier”

Dall’anima sofisticata del brand, dove le ispirazioni più classiche si fondono ad un nuovo pensiero contemporaneo nasce la collezione TATRAS ATELIER fall winter 2015-16.

Il Direttore Creativo Masanaka Sakao si è impegnato in prima persona alla realizzazione di questo progetto e nella ricerca di un tessuto in lana trattato con fibre tecnologiche capace di conferire ai capi il perfetto equilibrio tra performance e gusto estetico, ricerca ed eccellenza.

Dedizione, tenacia e perseveranza accomunano la collezione TATRAS ATELIER al mondo della cultura, del teatro e della danza. Da qui la scelta dei nuovi volti scelti per questa linea: Ashley Robicheaux e Paul Zivkovich, ballerini protagonisti di Sleep no More, il lavoro creativo più  coinvolgente della produzione teatrale inglese che sta riscuotendo un successo inatteso al McKittrick Hotel di New York City.

Lei, bella e androgina incarna l’essenza sofisticata del brand. Lui, unconventional e carismatico esprime al meglio l’urban attitude TATRAS.

Moda, arte, musica e danza si intrecciano di stagione in stagione generando un pas de deux sempre capace di regalare emozioni.

#tatrasateliernewyorkdancerstory

Ashley  Robicheaux  è una ballerina e coreografa del Mississippi. All’età di sedici anni si è trasferita nel New jersey per proseguire la sua formazione sotto il maestro Billy Larso. Nel maggio del 2014 guadagna il Bachelor of Fine Arts. Attualmente studia danza presso la Tisch School of della New York University. Tra le recenti performance di particolare importanza The Swing of Things (2013), Contemporary Swing (2013) and Arlington (2013). Ashley è attualmente impegnata in Sleep No More.

Paul Zivkovich, australiano, è arrivato negli Stati Uniti dopo essersi guadagnato l’Australian Dance Awars. In qualità di ballerino ha viaggiato il mondo intero oltre ad aver coreografo numerosi spettacoli e film. Dopo l’impegno in qualità di aiuto coreografo per il film Anna Karenina con Keira Knightley e Jude Low, è attualmente impegnato nel ruolo di Macbeth in Sleep No More.