Spread the love

Goodlovers ha deciso di affrontare il tema sui modelli di bellezza, un tema molto discusso nell’ultimo periodo, con Alice Pasti. Alice è una ragazza bellissima, modella curvy famosa in tutt’Italia che da qualche annetto consiglia ai suoi seguaci come valorizzarsi per volersi più bene e credere in se stessi. Questa chiacchierata è stata come una guida di sopravvivenza per vivere bene in questa società, senza troppi giri di parole Alice ha svelato l’elisir del sentirsi belle.

Scopriamo insieme i segreti di Alice:

GL: Ci Racconti di lei: Chi è Alice Pasti?

AP: Alice Pasti non è altro che una semplicissima piccola grande donna che ama sognare, che ama mangiare e che cerca di realizzare i propri sogni, che è sempre alla ricerca di qualcosa, che non si accontenta mai ma che allo stesso tempo sa godere delle piccole cose della vita, e soprattutto…che si piace molto!

GL: Com’è cambiata la sua vita quando si è introdotta in questo settore??

 AP: Mah… In realtà non è cambiata poi così tanto, sono sempre quella di sempre, sono cambiati i ritmi, le mie giornate, il fatto che a volte mi riconoscono in mezzo alla strada, che ricevo centinaia di mail di ragazze che vogliono consigli o che si complimentano con me o che mi ringraziano. La mia vita è cambiata fondamentalmente perché ora vivo i momenti a seconda di come desidero, mi gestisco io ogni singolo instante e sono felice.

 GL: Il mondo della moda è spesso accusato di favorire modelli di bellezza ai limiti dell’anoressia. Ora però le modelle che appaiono sulle copertine delle riviste più in voga, non sono sempre pelle e ossa. Cosa ne pensa di tutto ciò?

AP: Penso che il messaggio che si trasmette da molti anni ormai, è decisamente sbagliato. Poi ci chiediamo perché una ragazzina su 3 soffre di disturbi alimentari o è vittima di grandi disturbi psicologici, e non solo le ragazze adolescenti, ormai ogni donna non si sente all’altezza, la società e la moda ci propongono dei canoni di bellezza a dir poco assurdi, senza dar spazio ad altre tipologie di fisicità o senza azzardare a canoni alternativi.

Per me Qualcosa dovrebbe “muoversi”, la moda, gli emittenti televisivi, i social, i media in generale dovrebbero ampliare le loro vedute in questo senso, ed io ce la sto mettendo tutta per combattere questo fenomeno.

GL:Secondo lei quindi al giorno d’oggi essere una donna plus size nel campo della moda è una trasgressione?

AP: Si come dicevo prima nonostante ci troviamo nel 2015, su questo punto di vista siamo davvero indietro, una curvy su un catalogo non viene ancora accettata al 100%, ma stiamo parlando di chi lavora nell’ambito della moda e dello spettacolo, perché invece la gente comune sembra invece essere molto entusiasta di questo argomento.

GL: Durante il suo percorso ha trovato degli ostacoli che hanno cercato di spezzarle il suo tragitto?

AP: Certo! Sarebbe stato molto anomalo il contrario…. Quando ho deciso di lasciare il mio lavoro a tempo indeterminato da ragioneria per dedicarmi solo a questo, avevo già messo in preventivo tutte le porte chiuse che avrei trovato, ma sapevo che nulla mi avrebbe fermata, e nulla mi fermerà mai!

Unknown-8

GL: Quali sono le particolarità che la permettono di differenziarsi?

AP: L’unicità ci differenzia, il fatto di non voler assomigliare a nessuna o per lo meno, di non ammalarsi per voler essere come qualcun altra. Bisogna amarsi per quelle che siamo, noi siamo pezzi unici e rari, nessun’altra avrà i nostri punti forti che possiamo valorizzare e nessun’altra avrà i nostri difettini che sarà divertente camuffare.

E soprattutto, una donna che si sente bene con se stessa automaticamente rifletterà positività e unicità.

GL: Pensa che il suo lavoro possa aiutare l’italia in una crescita?

AP: Questo è il mio sogno, il mio obiettivo e giorno dopo giorno lotto con tutte le mie forze per cercare di cambiare nel mio piccolo le cose, e per portare avanti la mia campagna, e cercherò di farlo fino alla fine!

Unknown-6

GL: Che consigli darebbe alle donne che non si piacciono? 

AP: Consiglio di non fermarsi e non darsi per perse. Di ritrovarsi e di cercare di accettarsi per quelle che si è, e da lì il viaggio verso la rinascita sarà automatico, una volta che ci si accetta automaticamente si comincia ad amarsi e migliorarsi che è la cosa più importante; mai lasciarsi andare, la cosa più importante è riconoscere i propri limiti ed esaltare i pregi,  e soprattutto CIRCONDARSI DI PERSONE AMICHE pronte a stimolarci ed aiutarci!

Instagram: @alicepasti

Facebook: ALICE PASTI

Sito Web: www.alicepasti.it