Da  Sofia  a  Milano,  per  dipingere  e  inventare  bijoux  artigianali,  creativi,  mobili:  è  il  percorso di Lora Nikolova, giovane bulgara che si è laureata all’Accademia di Brera a Milano.  Il sogno della giovane artista di dare vita alla fantasia che sente dentro di sé, si è realizzato sia attraverso la creazione di quadri che con la creazione di bijoux realizzati con le tecniche più diverse. Con uno stile che per alcuni aspetti ricorda l’astrattismo di Kandinsky o la destrutturazione del Picasso del primo Novecento.

I gioielli e tutte le opere di Lora Nikolova rispecchiano la sua interiorità e sono un’espressione dell’anima.  Bijoux  unici  fatti  con  amore  e  stile.  Ogni  pezzo  è  una  vivace  opera  d’arte, intrecciata di emozioni. L’apparente disordine delle perline colorate dà l’impressione di un assemblaggio casuale, ma la composizione afferma le proprie regole, con una scelta mirata di volumi e colori. I materiali utilizzati sono vetro, plastica, perline di metallo, perle di fiume, argilla e cartapesta. Il nero viene utilizzato spesso come elemento di unione e come un fondamentale effetto grafico che contrasta i colori accesi e vivaci. Le collane assomigliano a ragnatele intrecciate con pietre variegate. Ogni gioiello è unico e può essere indossato come accessorio speciale per un vestito formale o come complemento divertente per un semplice ed elegante capo quotidiano. Dedicati alle dame che amano i colori e lo stile astratto, i bijoux Lora Nikolova sono dinamici e trasformano in modo speciale ogni donna che li indossa.

La  Collezione  FW16-­‐17  evidenzia  in  modo  netto  due  anime,  che  diventano  due  attitudini  ma sotto lo stesso comune denominatore di stile:
La linea artistique-­design  ispirata ai dipinti di Mirò e le sospensioni di Calder, dove le collane  ricordano  le  reti  architettoniche  ricamate  con  vari  componenti  legati  tra  loro  in geometrie armoniche.

La linea ethno-­chic, dal forte impatto visivo e artistico, è rappresentata da insoliti pezzi unici e scenografici dai colori sobri della terra, la montagna e il deserto, ispirati ai riti e alle usanze tradizionali degli antichi popoli. Il “trait d’union” tra le due linee è la lavorazione a base di rete, sulla quale vengono montati i vari componenti che rendono il gioiello un’opera d’arte da indossare.