Rosa Castelbarco presenta la nuova Mineral Collection, dove protagonista è la materia, in cui i minerali grezzi sono montati a gioiello senza mai snaturare la loro forma naturale.

Quarzo, Pirite, Ematite ed Agata Botswana diventano collane, bracciali ed anelli da indossare.

Ogni minerale è montato in argento utilizzando fini catene, montature leggere e geometriche per dare risalto alla pietra nella sua interezza, creando le varie linee della collezione:

Petra – La collana si compone da una Catena Cobra sottile, con sospeso nel punto centrale un  ciondolo cubico in pirite dal colore grigio/verde brillante, creando una netta contrapposizione tra la materia sfaccettata e decisa della pietra, ed il design sobrio della catena.
Gli orecchini sono pendenti in argento ad amo, geometrici con la pietra grezza e cubica sospesa nel punto finale. L’anello Petra, si presenta con la pietra centrale sostenuta dalla montatura in argento liscio che avvolge il minerale senza mai modificarne la forma ed il perimetro.

Dada – Surrealista, giocosa, indefinita, la linea dada prende il nome da una visione di dadi da gioco che corrono verso l’infinito, ricordano il noto movimento surrealista. La collana si compone di tre cubi di quarzo rosa chiarissimo, trasparente montati con una sottile catena in argento rodiato. Gli orecchini Dada hanno la montatura in argento con la forma ad amo geometrica dove tra giochi di pieni e vuoti, è sospeso il quarzo nel punto finale.

Carina – In Carina ritorna l’elemento sferico, motivo ricorrente nelle collezioni di Rosa Castelbarco. Montata con un filo cobra sottile d’argento, la collana passa attraverso un cerchio in ematite creando un gioco di continuità tra la pietra e la sua montatura. Il bracciale, anch’esso super leggero, crea un armonioso gioco di chiari/scuri tra il grigio chiaro dell’argento della catena a filo ed il grigio antracite del cerchio in ematite. Gli orecchini, sempre con l’amo in argento ed il cerchio sul finale sempre attraversato da un sottile filo che continua la forma dell’amo.

Corolla – Linea composta da quarzi multicolori lavorati pur mantenendo la purezza della materia grezza. Montati su un filo sottile in argento i minerali si predispongono in ordine decrescente dal più grande centrale fino ad arrivare ai minori sui rispettivi lati. Questa collana “veste” il collo della donna creando un bellissimo arcobaleno dai colori sgargianti delle pietre. In pendant gli orecchini a cerchio in argento con tre quarzi colorati sospesi, anch’essi lavorati pur mantenendo sempre le loro sfaccettature naturali.

Agata e Mini Agata – Le collane si compongono da una lunga catena in argento rodiato con sospesi ciondoli di Agata Botswana dal color mattone. Agata ha un minerale appeso di grande dimensione e ricco di sfaccettature, che le conferisce una forma tridimensionale, creando giochi di luci ed ombre. Mini Agata ha invece il ciondolo di forma leggermente più regolare e sferica le cui sparse punte bianche si contrappongono al color mattone della base. I pezzi sono combinabili, e si possono indossare insieme tenendone una più lunga ed una più corta.

La mineral collection conferisce unicità ad ogni suo pezzo, in quanto rispetta le forme naturali dei minerali che sono sempre diversi per dimensione, colore e forma.

BIO di Rosa

Rosa viaggia tra i ricordi della sua infanzia, con l’immagine della tanto amata nonna, che ogni giorno, di primo mattino, appoggiava da una parte del letto i vestiti da indossare, e dall’altro gli accessori che avrebbero completato la sua mise: gioielli di famiglia, che si divertiva a personalizzare con pezzi di bigiotteria più “leggeri ed informali”.

Da qui il grande amore per il mondo bijoux – Rosa Castelbarco crea la sua prima collezione, che porta il suo nome.

Giovane designer milanese, dopo aver completato i suoi studi alla Cattolica a Milano, parte per New York, dove studia alla N.Y. Film Accademy.

Le sue prime esperienze lavorative la indirizzano al mondo moda, cominciando da Walter Steiger, dove intraprende la sua prima attività nel press office lato celebrities.

Rientra a Milano, e dopo l’esperienza maturata nella Grande Mela, decide di lanciare il proprio marchio di bijoux.